Home BlogNews dalle Aziende Computo metrico e Contabilità lavori nell’era del BIM

Computo metrico e Contabilità lavori nell’era del BIM

Approfondimento tecnico riguardo il computo metrico e la contabilità lavori attraverso l’approccio BIM. Scopri le soluzioni Blumatica.

di Redazione
computo metrico

Tra i documenti più importanti nella progettazione e nelle gare d’appalto vi è sicuramente il computo metrico estimativo. Questo elaborato è redatto da un tecnico abilitato e riporta tutte le operazioni con relative quantità e costi di un’opera edilizia. Come previsto dal Codice degli Appalti (Decreto legislativo nr. 50 del 18 aprile 2016) il computo metrico è un documento obbligatorio nel progetto esecutivo e nel progetto definitivo nei lavori pubblici. Per contabilità lavori invece si intendono tutte le operazioni che vengono svolte dalla DL (Direzioni Lavori) al fine di verificare da un punto di vista tecnico, contabile e amministrativo l’idonea realizzazione delle opere pianificate. I documenti contabili che devono essere redatti fanno riferimento al Decreto Ministeriale nr. 49 del 7 marzo 2018 e sono i seguenti:

  • giornale dei lavori
  • libretti di misura delle lavorazioni e delle provviste
  • liste settimanali
  • registro di contabilità
  • sommario del registro di contabilità
  • stati d’avanzamento dei lavori.

BIM: computo metrico e contabilità lavori

L’approccio BIM (Building Information Modeling) è sempre più presente negli studi di progettazione e diventerà obbligatorio nei prossimi anni nei lavori pubblici. Tra i vantaggi apportati da questa metodologia il Quantity take-off consente il controllo dei costi e dei tempi sia in fase di progetto che in corso di esecuzione. Alla modellazione tradizionale 3D, la metodologia BIM consente di approdare a ulteriori dimensioni le cui caratteristiche sono trattate dalla UNI 11337 parti 5/6:

  • 3D –  Modellazione tridimensionale dell’opera
  • 4D – Analisi della durata
  • 5D – Analisi dei costi
  • 6D –  Ciclo di vita e manutenzione
  • 7D – Sostenibilità

Il Quantity take-off consente di poter eseguire le analisi 4D e 5D tramite l’estrazione delle quantità di tutto ciò che viene imputato nel modello IFC ed ha il vantaggio di aggiornarsi in tempo reale con eventuali modifiche che vengono apportate. Il risultato è un risparmio di energie e tempo da parte del progettista molto importante.

Blumatica BIM computo consente il quantity take-off ed è il software per la visualizzazione 3D e la gestione automatica del computo metrico estimativo dal file di progetto BIM in formato IFC. Con Blumatica Pitagora invece produci tutti gli elaborati di contabilità preventiva del progetto esecutivo a partire, eventualmente, da quelli del progetto definitivo nonché la lista delle lavorazioni e forniture.

Leggi l’approfondimento completo.

0 commento
0

articoli correlati

Lascia un commento