Home BlogNews dalle Aziende Indicazioni e consigli per usufruire del bonus al 110%

Indicazioni e consigli per usufruire del bonus al 110%

Approfondimento sulle novità del super bonus al 110% a cura di Blumatica.

di Redazione
Blumatica Bonus 110%

Il Decreto nr.34 del 19 maggio 2020 denominato “Misure urgenti in materia di salute, sostegno al lavoro e all’economia, nonché di politiche sociali connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19” ha introdotto diverse novità per consentire il rilancio del settore delle costruzioni.

Le detrazioni previste dal Decreto Rilancio costituiranno una grande occasione per la ripartenza di aziende, imprese e tecnici.

In questo articolo cerchiamo di analizzare le caratteristiche e gli strumenti che ti consentiranno di ripartire al 110%!

Il provvedimento è contenuto agli art. 119 e 121 del Decreto Legge 19/05/2020, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale Serie Generale n. 128 del 19 maggio e sarà convertito in legge entro 60 giorni (18 luglio).

Per usufruire delle detrazioni bonus al 110%, previste a partire dal 1° luglio 2020 e fino al 31 dicembre 2021, è necessario eseguire almeno uno degli interventi riportati al comma 1 dell’art. 119:

  • interventi di isolamento termico delle superfici opache verticali e orizzontali (su un ammontare complessivo delle spese non superiore a 60.000 € moltiplicato per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio);
  • interventi sulle parti comuni degli edifici per la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti centralizzati a condensazione, a pompa di calore, ibridi, geotermici. La detrazione è calcolata (su un ammontare complessivo delle spese non superiore a 30.000 € moltiplicato per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio);
  • interventi sugli edifici unifamiliari per la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti per il riscaldamento, il raffrescamento o la fornitura di acqua calda sanitaria a pompa di calore (su un ammontare complessivo delle spese non superiore a 30.000 €).

Se eseguiti congiuntamente ad almeno uno degli interventi appena elencati, è possibile usufruire dell’aliquota bonus del 110% anche per i seguenti interventi:

  • interventi di efficientamento energetico previsti dall’articolo 14 del D.L. 63/2013;
  • installazione di impianti solari fotovoltaici connessi alla rete elettrica;
  • installazione contestuale o successiva di sistemi di accumulo integrati negli impianti solari fotovoltaici;
  • installazione di infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici negli edifici.

I beneficiari della detrazione al 110% sono definiti dal comma 9 dell’articolo 119:

  • condomini;
  • persone fisiche, al di fuori dell’esercizio di attività di impresa, arti e professioni, su unità immobiliari;
  • Istituti Autonomi Case Popolari (IACP);
  • cooperative di abitazione a proprietà indivisa, per interventi realizzati su immobili dalle stesse posseduti e assegnati in godimento ai propri soci.

I lavori sugli edifici unifamiliari rientrano nel bonus solo se adibiti ad abitazione principale (in cui il soggetto ha residenza). Per quanto riguarda le seconde case, i lavori possono usufruire della detrazione al 110% solo se fanno parte di un condominio (edifici che presentano parti comuni a due o più unità immobiliari distintamente accatastate).

Le spese sostenute possono essere recuperate in fase di dichiarazione dei redditi come detrazione IRPEF, dividendo la detrazione maturata in 5 quote annuali di pari importo, oppure usufruendo della Cessione del Credito, cedendo la detrazione ad un altro soggetto (impresa o intermediario finanziario) oppure ancora come Sconto in fattura (art. 121). Grazie al Decreto Rilancio, entrambi i meccanismi si applicano non solo per gli interventi previsti dall’articolo 119, ma anche per recupero del patrimonio edilizio, adozione di misure antisismiche, recupero o restauro della facciata degli edifici esistenti, installazione di impianti fotovoltaici, installazione di colonnine per la ricarica dei veicoli elettrici.

In aggiunta alla solita modulistica prevista dall’Agenzia delle Entrate, sarà necessario presentare il visto di conformità con cui attestare la sussistenza dei presupposti che danno diritto alla detrazione ed effettuare la trasmissione dei dati sul portale ENEA (www.ecobonus2020.enea.it).

Le soluzioni Blumatica per ripartire con il Super bonus 110%


Blumatica Pitagora

Blumatica SismicAPP

Blumatica Energy WEB

Blumatica Energy
Computi Metrici e Contabilità dei lavori



Gratis per te!
Classificazione rischio sismico delle costruzioni e stampa della documentazione.

Gratis per te!
Per la registrazione facile e veloce dei dati durante la fase di sopralluogo.

Gratis per te!

Per usufruire dell’Ecobonus 110% è necessario redigere l’APE (pre e post intervento) e rispettare tutte le verifiche previste in fase di progettazione (ex. Legge 10).
In un solo software puoi gestire APE, AQE, ex. Legge 10, relazione di calcolo, annunci commerciali, interventi migliorativi, trasmittanze termiche e verifiche termoigrometriche, esportazioni XML regionali e tanto altro ancora!

Scopri di più

Blumatica Detrazioni Fiscali (Ecobonus)



Blumatica APE e L10 Fast (EGE)






Blumatica Ponti Termici FEM










Blumatica BIM ArchIT e Blumatica BIM Energy
Blumatica BIM Computo





Calcolo e gestione delle pratiche di detrazione fiscale per gli interventi di risparmio energetico degli edifici: elaborazione automatica delle pratiche da trasmettere ad Enea, verifiche per l’accesso alle detrazioni, calcolo del risparmio energetico di energia primaria e detrazione ammessa, asseverazione tecnica e istruzioni pratiche per la compilazione del portale ENEA. Il software gestisce qualsiasi tipologia di intervento (involucro e impianto) sia su singole unità immobiliari che su condomini (con e senza la riduzione della classe di rischio sismico).

Scopri di più




Calcolo automatico degli interventi migliorativi ed ex. Legge 10, con relativo computo metrico estimativo. Calcolo agevolazioni Conto Termico 2.0























I ponti termici rivestono un ruolo chiave nel miglioramento energetico: un’errata progettazione potrebbe compromettere lo scatto di classi necessario per usufruire dell’Ecobonus 110%.
Inoltre, per gli interventi dell’Ecobonus 110% è obbligatoria la redazione di una relazione tecnica (ex. Legge 10), in cui è necessario dimostrare l’assenza di formazione di muffa, calcolo che può essere eseguito solo agli elementi finiti (FEM).
Il software consente il calcolo agli elementi finiti e verifica muffa di qualsiasi tipologia di ponte termico sia attraverso Wizard rapidi che progettando liberamente lo schema (anche partendo da un file DWG/DXF).

Scopri di più
Progettazione architettonica ed energetica in ambiente BIM, in modo da riuscire a gestire anche le situazioni più complesse.
Creando o importando un modello architettonico già pronto, in automatico ottieni tutte le informazioni energetiche necessario al calcolo della prestazione (confine dei componenti, ombreggiamenti, ponti termici, ecc.).
Grazie a Blumatica BIM Computo, dallo stesso modello architettonico puoi ottenere rapidamente anche il computo metrico.
Oltre al vantaggio di poter visualizzare graficamente il tuo progetto, la progettazione BIM ti consente di calcolare e gestire più rapidamente anche le situazioni più complesse e ingestibile con un comune disegno 2D.

Scopri di più

Contattaci per scoprire le offerte a te riservate >>>

0 commento
0

articoli correlati

Lascia un commento