Blumatica
Lo Strutturista

La galleria delle macchine

L’ing. Borgogni ci porta alla scoperta dell’edificio industriale con la maggior superficie coperta mai realizzata ai fini del 19° secolo

3 Giugno 2021
La Galleria delle Macchine
Ing. Daniele Borgogni
Ingegnere civile e libero professionista. Si occupa prevalentemente di progettazione in acciaio ed è un appassionato di storia delle strutture.

Nel 1851, a Londra, si tenne la prima Esposizione Universale, in cui, l’Architetto Joseph Paxton e l’Ingegnere William Cubitt progettarono e realizzarono un enorme edificio a struttura metallica e vetro in stile vittoriano: il Crystal Palace.

La realizzazione di questo edificio diede l’avvio alle grandi realizzazioni dell’Architettura del Ferro, la cui storia è legata a doppio filo a quella delle grandi Esposizioni Universali del 19° secolo. Ogni Expo divenne, quindi, il pretesto per misurare l’abilità tecnica degli Ingegneri e Architetti del periodo.

L’Esposizione Universale di Parigi del 1889 rappresentò, per il periodo, il più grande banco di prova per l’Architettura del Ferro e passò alla storia per la realizzazione della celeberrima Torre di 300 metri, realizzata dalle Officine Eiffel e progettata da Maurice Koechlin.

Nella stessa Esposizione, e proprio all’ombra della Torre, nacque quello che per l’epoca era l’edificio industriale con la maggior superficie coperta mai realizzato: la Galerie des Machines (Galleria delle Macchine).

Il sito di costruzione di entrambe le strutture fu il Champ de Mars: un appezzamento di terreno adibito fino a quel momento alle esercitazioni dell’Esercito Francese e che – sfortunatamente, data la vicinanza della Senna – presentava dei terreni con caratteristiche meccaniche piuttosto scadenti e con le quali i Progettisti dovettero misurarsi.

La Galerie des Machines era costituita da una grande sala di vetro e metallo con un’area di 115×420 metri e un’altezza di 45 metri ed era priva di supporti interni grazie all’adozione di uno schema statico di arco a tre cerniere, derivato dagli sviluppi dell’Ingegneria dell’epoca in materia di ponti. I vantaggi principali di questo tipo di schema statico furono essenzialmente due: la facilità di montaggio e la possibilità di poter scaricare a terra una sollecitazione di solo sforzo normale. Un ulteriore vantaggio fu quello di rendere la struttura meno sensibile ai cedimenti di tipo differenziale che, a causa delle scarse caratteristiche meccaniche del terreno e dell’estensione planimetrica del manufatto, erano un rischio praticamente certo.

Basti pensare alla enormità della struttura: La Galerie des Machines riusciva a coprire una superficie di circa 5ettari! Fu stimato che l’edificio era abbastanza grande da contenere quindicimila cavalli al piano terra e altrettanti di cavalieri nelle gallerie superiori senza diventare affollato, anche se, ad onor del vero, l’esperimento non fu mai fatto e rimase una stima teorica.

Il confronto con tutti gli altri edifici costruiti sino a quel momento fu impietoso: il più grande edificio a campata unica, all’epoca, era la stazione ferroviaria di St Pancras, costruita a Londra nel 1868, con una luce di 73 metri. Il Palais des Machines aveva una luce di 110.5 metri (misurata in asse alle cerniere di base) […]

Per leggere l’articolo completo acquista il numero 5 della rivista Lo Strutturista.

Per essere sempre aggiornato e leggere contenuti inediti abbonati alla rivista Lo Strutturista – La prima rivista per gli strutturisti italiani.

vani porta o finestra in muratura
Articolo precedente

Dimensionamento di cerchiature per vani porte o finestre in murature portanti

Articolo successivo

RESISTECTO®– La soluzione per il consolidamento delle capriate lignee

Il portale italiano degli strutturisti.
La rete degli strutturisti
Entra a far parte del più grandi network di strutturisti italiani.
Hai bisogno di un calcolo strutturale?
Un team di professionisti altamente specializzati è al tuo servizio
Ecco i servizi che possiamo offrirti:
Scegli quali servizi di ingegneria necessiti in totale sicurezza e affidabilità
Calcolo strutture in acciaio
Calcolo strutture in alluminio
Calcolo strutture in legno
Calcolo strutture in cemento armato
Calcolo strutture in muratura
Miglioramento ed adeguamento sismico
Con noi avrai garanzia di:
Tempi
di consegna certi
Rispetto
delle norme vigenti
Accuratezza
dei risultati di calcolo
Assistenza
continua
Lo strutturista