Blumatica
Materiali, Normativa

Strutture in acciaio: le novità secondo le NTC 2018

Nuova classificazione delle sezioni e riduzione dei coefficienti di sovraresistenza sono alcune delle modifiche apportate dalla norma riguardo l’acciaio.

17 Aprile 2018
Struttura in acciaio
Redazione calcolostrutturale.com
La redazione di calcolostrutturale.com è composta da ingegneri edili, copy strategist ed esperti di marketing e comunicazione.

Le NTC 2018, nelle tante novità che hanno apportato a tutto il comparto dell’edilizia, hanno riguardato anche le strutture in acciaio. Le modifiche e gli adeguamenti che il nuovo testo normativo ha apportato, sono state realizzate in conformità alle norme europee quali l’Eurocodice 3, l’Eurocodice 4 e l’Eurocodice 8.

Cosa cambia nei Capitoli 4 e 7?

Al paragrafo Costruzioni in acciaio, contenuto nel Capitolo 4, le novità fondamentali riguardano:

  • una nuova nomenclatura per quanto riguarda la classificazione delle sezioni in acciaio (classe 1 e 2 compatte, 3 moderatamente snelle e 4 snelle calcolate sempre in funzione della capacità rotazionale CФ );
  • modifica della verifica a fatica e precisazioni sulla verifica a vita illimitata e a danneggiamento.

Nel Capitolo 7 invece le principali novità sono:

  • ridefinizione dei coefficienti di sovraresistenza dell’acciaio calcolato come fy,m / fyk pari a 1,25 per S235, S275 e S355 mentre 1,15 per S420 e S460;
  • nuova definizione delle tipologie strutturali in acciaio in merito a strutture a mensola o a pendolo inverso;
  • distinzione tra comportamento strutturale non dissipativo comportamento strutturale dissipativo; per il primo modello si ha un fattore q ≤ 1,5 consentendo una semplificazione importante in fase di progettazione ai progettisti; per il secondo modello vengono introdotte le Verifiche di duttilità (Par. 7.5.3.2). Come si può leggere nel paragrafo 7.5.3.2 vengono definiti i parametri per la definizione della domanda di duttilità locale (rapporto tra il valore di deformazione Фu valutato in analisi non lineare e il valore di deformazione Фy al limite elastico) e per la capacità in duttilità locale (valutata come rapporto della deformazione al collasso Фu in corrispondenza del 15% della massima resistenza dell’elemento e la deformazione Фy corrispondente al raggiungimento della prima plasticizzazione). Per le strutture a telaio in cui si prevedono la formazione di zone dissipative lo sforzo normale al piede del pilastro non deve superare il 30% della sua capacità tale che NED / NplRD ≤ 0,3.

Queste introduzioni e modifiche rispetto alle NTC 2008 segnano, in maniera ancora più netta, l’avvicinamento che questa normativa ha alle norme europee.

Professioni BIM
Articolo precedente

Come lavorare nel mondo BIM: le nuove figure professionali

Articolo successivo

A Ferrara si parla di sicurezza sul lavoro

Sicurezza sul lavoro Ferrara
Il portale italiano degli strutturisti.
La rete degli strutturisti
Entra a far parte del più grandi network di strutturisti italiani.
La rivista “Lo Strutturista”
Trimestrale cartaceo disponibile in abbinamento per la formazione del progettista.
Ecco i servizi che possiamo offrirti:
Scegli quali servizi di ingegneria necessiti in totale sicurezza e affidabilità
Calcolo strutture in acciaio
Calcolo strutture in alluminio
Calcolo strutture in legno
Calcolo strutture in cemento armato
Calcolo strutture in muratura
Miglioramento ed adeguamento sismico
Con noi avrai garanzia di:
Tempi
di consegna certi
Rispetto
delle norme vigenti
Accuratezza
dei risultati di calcolo
Assistenza
continua