Blumatica
Attualità

Decreto semplificazioni: Efficientamento energetico e ristrutturazione edilizia

Le novità e le modifiche al decreto semplificazioni presentate il 2 dicembre 2020 dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

21 Gennaio 2021
ristrutturazione edilizia
Redazione calcolostrutturale.com
La redazione di calcolostrutturale.com è composta da ingegneri edili, copy strategist ed esperti di marketing e comunicazione.

Il 2 Dicembre 2020 il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha emanato una circolare riguardo le nuove definizioni in merito a ristrutturazione edilizia e distanza tra edifici. Le novità significative sono quelle introdotte dall’articolo 10 e riguardano gli articoli 2-bis e 3 del Testo Unico, DPR 380/2001.

La prima, relativa all’articolo 3, riguarda la nuova e più ampia definizione del termine “ristrutturazione edilizia” oggi estesa anche agli interventi di demolizione e ricostruzione dove risulti modificata la sagoma, il prospetto, il sedime e le caratteristiche tipologiche. La reale rivoluzione è rappresentata dal non dover più richiedere il permesso di nuova costruzione per tali interventi ed inoltre ciò varrà non solo per gli interventi di adeguamento alla normativa antisismica ma anche nei casi di migliorie all’accessibilità, di installazione di impianti tecnologici e di efficientamento energetico. Si potrà inoltre aumentare le volumetrie in caso di interventi funzionali alla rigenerazione urbana.

Bisogna però tener conto del maggiore rigore voluto per quei beni sottoposti a vincoli previsti dal codice dei beni culturali. In questi casi non sono ammessi aumenti di volumetria ed è richiesto il mantenimento delle caratteristiche tipologiche originarie. Stesso discorso vale per gli immobili situati nei centri storici.

L’altra importante novità contenuta nell’articolo 2-bis del Testo Unico è la deroga alle norme sulle distanze per gli interventi di ricostruzione o demolizione, oggi consentita purché gli edifici originari siano stati legittimamente realizzati nonostante il mancato rispetto delle distanze previste.

Anche in questo caso, la deroga varrà per gli immobili dei centri storici solo se prevista nei piani di recupero e di riqualificazione particolareggiati, di competenza comunale.

ponti in cemento armato
Articolo precedente

Lo stato di salute dei ponti in cemento armato

Articolo successivo

Al SED di Caserta la teoria del bicchiere d'acqua per la digitalizzazione dell’edilizia

Il portale italiano degli strutturisti.
La rete degli strutturisti
Entra a far parte del più grandi network di strutturisti italiani.
Hai bisogno di un calcolo strutturale?
Un team di professionisti altamente specializzati è al tuo servizio
Ecco i servizi che possiamo offrirti:
Scegli quali servizi di ingegneria necessiti in totale sicurezza e affidabilità
Calcolo strutture in acciaio
Calcolo strutture in alluminio
Calcolo strutture in legno
Calcolo strutture in cemento armato
Calcolo strutture in muratura
Miglioramento ed adeguamento sismico
Con noi avrai garanzia di:
Tempi
di consegna certi
Rispetto
delle norme vigenti
Accuratezza
dei risultati di calcolo
Assistenza
continua
Lo strutturista