Home BlogLo Strutturista Galaxia, il tempio del Burning Man 2018

Galaxia, il tempio del Burning Man 2018

Gli ingegneri Marco Pellegrino e Sara Andreussi ci portano alla scoperta di una struttura realizza per il Festival del Burning Man del 2018.

di Redazione
Galaxia, Burning Man 2018

Dal 1991 a Black Rock City nel deserto del Nevada si svolge ogni anno il festival del Burning Man che porta 75mila persone a costruire e popolare una città inesistente nel deserto per 8 giorni consecutivi con tende, generatori di elettricità, cibo, acqua e intrattenimento.

A Black Rock City non esistono soldi, il baratto e il dono sono le uniche forme di scambio e la città vive in un’unica grande idea di comunità dove la violenza non è concepita.

Il Burning Man si basa sul concetto del regalo e del ricevere senza niente in cambio. I cittadini sono la città e tutto ciò che accade a Black Rock City è attiva creazione dei partecipanti. Sono i partecipanti stessi a creare workshop, installazioni d’arte ed eventi ed ognuno può esprimersi liberamente esplorando la città e ciò che offre.

Le istallazioni d’arte sono una delle attrazioni principali del festival, molte sono interattive e i partecipanti del festival sono parte integrante di esse; possono toccarle, esplorarle e talvolta persino costruirle.

Le installazioni pilastro del festival sono L’Uomo ed il Tempio ed entrambi vengono costruiti da volontari prima dell’inizio del festival e bruciati in due giorni consecutivi alla fine dell’evento. Il burn dell’Uomo è una grande festa ed è accolto con gioia e fuochi d’artificio mentre la distruzione del Tempio è un momento magico e silenzioso, quasi spirituale che segna la fine dell’evento e il ritorno alla vita reale.

Il Burning Man si conclude con il leave no trace ed ogni partecipante è tenuto a riportare indietro tutto ciò che ha portato per contribuire alla costruzione della città e una squadra di volontari è incaricata di pulire la Playa e rimuovere qualsiasi traccia dei 75mila partecipanti per circa un mese.

Nel 2018 l’architetto francese Arthur Mamou-Mani, fondatore dell’omonimo studio londinese, progetta Galaxia, il tempio costruito nel 2018 a Black Rock City. Galaxia è un’installazione a spirale che rappresenta una rete connettiva dell’universo che congiunge gli astri con il mondo terreno.

La scultura celebra la speranza dell’ignoto e la fiducia in tutto ciò che si muove nello spazio e la realizzazione di essa è avvenuta grazie ad una forte campagna di crowfounding ideata dall’architetto per coprire le Spese di realizzazione dell’opera. […]

Per leggere l’articolo completo acquista il numero 3 della rivista Lo Strutturista.

Per essere sempre aggiornato e leggere contenuti inediti abbonati alla rivista Lo Strutturista – La prima rivista per gli strutturisti italiani.

Marco Pellegrino

Marco Pellegrino è un ingegnere civile fondatore della comunity “Ingegneria Parametrica” e lavora nel settore AEC come specialista di progettazione computazionale, sviluppando strumenti digitali utilizzati nella progettazione e produzione delle costruzioni. Attualmente è membro del gruppo Computation and Design di Format Engineers, dove guida la ricerca nell’elaborazione della geometria per l’esplorazione e l’ottimizzazione della forma.


Sara Andreussi

Sara Andreussi è un Ingegnere Edile-Architetto con vari anni di esperienza nel settore dell’Ingegneria parametrica; è stata Project Engineer nello studio inglese Format Engineers con sede a Bath dove ha seguito progetti di varia dimensione e applicato tecniche di ottimizzazione e design strutturale parametrico

0 commento
0

articoli correlati

Lascia un commento