Home BlogTerritorio INGV Terremoti | Uno speciale sugli eventi sismici del 2018 in Italia

INGV Terremoti | Uno speciale sugli eventi sismici del 2018 in Italia

Pubblicato dall’INGV Terremoti un dossier sugli eventi sismici avvenuti nell’ultimo anno in Italia. La media è di 3 ogni ora, uno ogni 20 minuti.

di Redazione
INGV terremoti

L’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) ha realizzato uno speciale sui terremoti avvenuti nell’ultimo anno sul territorio nazionale. L’Ente ha come obiettivo quello di osservare i fenomeni che riguardano il sistema terra andando a valutare rischi e ripercussioni sulla popolazione, le infrastrutture e la società in generale.

I dati dell’INGV Terremoti

Nel solo 2018, l’INGV ha rilevato 23.180 fenomeni sismici in Italia con una media di 63 eventi sismici giornalieri, 3 ogni ora, 1 ogni venti minuti. Come riportato dall’Istituto, in realtà il numero di rilevazioni è molto maggiore dovuto ai cosiddetti micro-terremoti che vengono trascurati in quanto inferiori alla soglia di rilevamento. Il dato sebbene sembri così elevato, è risultato il più basso rispetto al 2017 e al 2016. Basti pensare che nel 2016 l’INGV ha rilevato 53.000 eventi (145 al giorno) e nel 2017 invece 44.000 (120 al giorno). L’Istituto giustifica, in buona parte, questa diminuzione al calo di repliche (aftershocks) della sequenza nel Centro Italia. Si riportano i dati più significativi relativi agli eventi avvenuti in Italia e dintorni nel 2018 così come riportato nel dossier:

  • 3 eventi di magnitudo maggiore o uguale a 5.0: due di questi sono avvenuti in Montenegro e Albania, solo 1 in Italia, nella provincia di Campobasso;
  • 20 di magnitudo tra 4.0 e 4.9: 4 di questi sono avvenuti nei mari circostanti e nei Paesi limitrofi, mentre 5 sono avvenuti nell’area etnea;
  • 214 di magnitudo tra 3.0 e 3.9;
  • 2475 di magnitudo maggiore o uguale a 2.0. 

Si noti che il 90% de gli eventi sismici italiani hanno magnitudo minore di 2.0 che sono di difficile percezione per la popolazione salvo qualche eccezione (per esempio in caso di ipocentri molto superficiali in prossimità di aree abitate). Gli eventi di magnitudo superiori a 4 sono stati rilevati dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia nei mari intorno all’Italia. Tra questi vanno ricordati soprattutto i due eventi di magnitudo superiore a 5 avvenuti il 1 aprile (Mb 5.2) in Montenegro e il 7 aprile (Mb 5.1) in Albania.

Per leggere lo studio completo visitare il sito INGV Terremoti

 

 

0 commento
0

articoli correlati

Lascia un commento