SAIE Bari 2021
Attualità, Normativa

Interventi di riqualificazione energetica ammessi alle detrazioni al 110%

Tipologia e detrazioni fiscali per gli interventi di riqualificazione energetica, non tutti accedono alle detrazioni al 110%

11 Marzo 2021
riqualificazione energetica
Redazione calcolostrutturale.com
La redazione di calcolostrutturale.com è composta da ingegneri edili, copy strategist ed esperti di marketing e comunicazione.

I contribuenti che eseguono interventi di riqualificazione energetica degli edifici esistenti possono detrarre una parte delle spese sostenute per i lavori dall’imposta sul reddito delle persone fisiche (Irpef) o dall’imposta sul reddito delle società (Ires).

L’agevolazione è rivolta a tutti i contribuenti, residenti e non residenti, che possiedono l’immobile oggetto di intervento. Oltre ai proprietari, possono fruire dell’agevolazione:

  • i titolari di un diritto reale sull’immobile;
  • i condòmini (per gli interventi sulle parti comuni condominiali);
  • gli inquilini;
  • i comodatari.

Inoltre, la detrazione può essere fruita dal familiare convivente con il possessore o il detentore dell’immobile oggetto dell’intervento (coniuge, componente dell’unione civile, parenti entro il terzo grado e affini entro il secondo grado) e dal convivente more uxorio. La detrazione va ripartita in 10 rate annuali di pari importo.

Ecco una tabella riepilogativa delle tipologie di intervento e relative detrazioni corredata di tutti i link ai vademecum forniti da ENEA.

TIPOLOGIA DI INTERVENTODETRAZIONE
Acquisto e posa in opera di impianti con generatori di calore alimentati da biomasse combustibiliDetrazione del 110% con limite di detrazione di 30.000 euro da ripartire in 5 anni (o 4 anni per il 2022).
Sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaia a condensazione (anche parziale)Detrazione del 110% con limite di 30.000 euro, consentita solo per prodotti di classe A da ripartire in 5 anni (o 4 anni per il 2022).
Sostituzione dell’impianto con pompe di calore ad alta efficienza o con impianti geotermici (anche parziale)

Sostituzione degli scaldacqua tradizionali con pompe di calore (anche parziale)

Sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con caldaie di classe A e sistemi di termoregolazione o apparecchi ibridi (anche parziale)
Detrazione del 110% con limite di 30.000 euro, da ripartire in 5 anni (o 4 anni per il 2022). Gli impianti scaldacqua a pompa di calore o dotati di generatori d’aria calda a condensazione o di apparecchi ibridi, non vengono trainati al 110% ma possono essere considerati trainanti per le parti comuni con limiti di spesa e detrazione inferiori. Tali indicazioni sono contenute nell’allegato B del decreto Mise del 6 agosto 2020 alle lettere o, r e v.
Installazione di pannelli solari per la produzione di acqua calda (anche parziale)Detrazione del 110% con limite di 60.000 euro, da ripartire in 5 anni (o 4 anni per il 2022).
Interventi su strutture opache verticali, come cappotti o pareti isolanti, ed interventi su strutture opache orizzontali, come coperture e pavimentiDetrazione del 110% con limite di 60.000 euro, da ripartire in 5 anni (o 4 anni per il 2022). Tale intervento non è ammesso, tra gli interventi trainati, se incide per più del 25% della superficie lorda disperdente in edifici unifamiliari o unità immobiliari in edifici plurifamiliari funzionalmente indipendenti.
Finestre e infissiDetrazione del 110% con limite di 60.000 euro, da ripartire in 5 anni (o 4 anni per il 2022).
Schermature solariDetrazione del 110% con limite di 60.000 euro, da ripartire in 5 anni (o 4 anni per il 2022).
Riqualificazione energetica globale di edificiQuesto intervento non viene trainato al 110% così come ribadito nell’allegato B del decreto Mise del 6 agosto 2020 alla lettera a.
Sostituzione di impianti esistenti con micro-cogeneratoriDetrazione del 110% con limite di 100.000 euro, da ripartire in 5 anni (o 4 anni per il 2022).
Dispositivi per il controllo da remoto di riscaldamento e climatizzazioneSenza alcun limite di spesa per gli interventi con inizio lavori prima del 6 ottobre 2020. Dopo tale data la detrazione è del 110% con limite di 15.000 euro, da ripartire in 5 anni (o 4 anni per il 2022).

*le detrazioni sono da intendersi sia Irpef che Ires

IperSpace BIM
Articolo precedente

Disponibile la nuova versione di IperSpace BIM, la suite per la modellazione, l’analisi ed il calcolo strutturale all’avanguardia.

Articolo successivo

IV Conferenza Nazionale IBIMI – buildingSMART Italia

buildingSMART
Il portale italiano degli strutturisti.
La rete degli strutturisti
Entra a far parte del più grandi network di strutturisti italiani.
Hai bisogno di un calcolo strutturale?
Un team di professionisti altamente specializzati è al tuo servizio
Ecco i servizi che possiamo offrirti:
Scegli quali servizi di ingegneria necessiti in totale sicurezza e affidabilità
Calcolo strutture in acciaio
Calcolo strutture in alluminio
Calcolo strutture in legno
Calcolo strutture in cemento armato
Calcolo strutture in muratura
Miglioramento ed adeguamento sismico
Con noi avrai garanzia di:
Tempi
di consegna certi
Rispetto
delle norme vigenti
Accuratezza
dei risultati di calcolo
Assistenza
continua
Lo strutturista