Soft.Lab
Lo Strutturista

La volta a crociera.

Gli sforzi di trazione e compressione che reggono tutte le strutture.

21 Settembre 2022
volta a crociera
Redazione calcolostrutturale.com
La redazione di calcolostrutturale.com è composta da ingegneri edili, copy strategist ed esperti di marketing e comunicazione.

Nei numeri precedenti, come gli sforzi di trazione e compressione si distribuiscono in tipologie strutturali come archi e cupole, in questa terza ed ultima parte la trattazione sarà relativa al comportamento di volte e capriate.

La volta a crociera introdotta come elemento idoneo a coprire le navate delle grandi cattedrali a partire dall’architettura Romanica (circa X secolo) fino a raggiungere la sua massima espressione stilistica nell’architettura Gotica (XII – XIV secolo) rappresenta una sintesi di arte, nella sua concezione strutturale; architettura, nella funzione e rapporto dei volumi che delimita; tecnologia, nella applicazione di tecniche e tecnologie costruttive con mattoni o materiali lapidei (tali tecniche e tecnologie ormai perse nella memoria e nell’insegnamento).

La volta a crociera risolve brillantemente un problema funzionale (è solo questo lo scopo dell’architettura e dell’ingegneria strutturale;  o dovrebbe esserlo!) che è quello di coprire grossi spazi scaricando i pesi in punti singolari (pilastri) senza impedire il libero movimento delle persone che potrebbe essere causato ad esempio dall’uso di setti o pareti in muratura, Figura 1.

volta a crociera

La volta a crociera è sicuramente più complessa di una semplice volta a botte, che può essere immaginata come una successione di archi appoggiati sui due muri laterali, sia dal punto di vista tecnologico che strutturale. Per capirne il funzionamento strutturale potremmo immaginare semplicemente e in maniera approssimata la volta a crociera (ottenuta dall’intersezione di due volte a botte ortogonali) come costituita da 6 archi: i 2 diagonali e i 4 frontali (o timpani), Figura 1a. Questi6 archi si comportano come dei normali archi analizzati già in precedenza e quindi scaricano i carichi sui pilastri con delle forze di compressione (puntoni) ed alla base trasmettono delle spinte, Figura 1b.

Il problema della spinta è stato già ampiamente trattato insieme a tutti gli elementi strutturali inventati per il suo assorbimento: contrafforti, arco rampante, catena, ecc., e nulla è da aggiungere in merito.

Le volte a crociera sono autoportanti una volta risolto il problema della spinta, ma i capomastri romanici e gotici vollero enfatizzare il ruolo statico ed estetico degli archi diagonali e dei timpani mediante la realizzazione di nervature sottosporgenti (o costoloni) in genere realizzate con materiale diverso rispetto a quello della volta e di diverso colore.

Il ruolo delle nervature è stato molto dibattuto tra chi ne contestava la funzione statica degradandole al ruolo di semplici orpelli e chi invece affidava ad esse la massima parte della capacità portante della volta a crociera. Secondo il mio parere entrambe le ipotesi possono essere vere dipende dalla tecnologia di esecuzione della volta a crociera: se la nervatura è un elemento inserito successivamente al completamento della volta in muratura allora è chiaro che essa non è altro che un elemento decorativo, ma se la nervatura è voluta ed inserita all’interno dell’organismo strutturale all’atto della sua costruzione essa assorbe la maggior parte dei carichi. Uno splendido esempio […]

Per leggere l’articolo completo acquista il numero 10 della rivista Lo Strutturista.

Per essere sempre aggiornato e leggere contenuti inediti abbonati alla rivista Lo Strutturista – La prima rivista per gli strutturisti italiani.

Superbonus e cessione dei crediti
Articolo precedente

Superbonus e cessione dei crediti

Il portale italiano degli strutturisti.
La rete degli strutturisti
Entra a far parte del più grandi network di strutturisti italiani.
Hai bisogno di un calcolo strutturale?
Un team di professionisti altamente specializzati è al tuo servizio
Ecco i servizi che possiamo offrirti:
Scegli quali servizi di ingegneria necessiti in totale sicurezza e affidabilità
Calcolo strutture in acciaio
Calcolo strutture in alluminio
Calcolo strutture in legno
Calcolo strutture in cemento armato
Calcolo strutture in muratura
Miglioramento ed adeguamento sismico
Con noi avrai garanzia di:
Tempi
di consegna certi
Rispetto
delle norme vigenti
Accuratezza
dei risultati di calcolo
Assistenza
continua