Home BlogMateriali Coperture in legno massiccio: guida per la manutenzione e SismaBonus

Coperture in legno massiccio: guida per la manutenzione e SismaBonus

Assolegno pubblica un documento sulla manutenzione, controlli e SismaBonus sulle coperture in legno massiccio.

di Redazione
legno massiccio

L’Assolegno (Associazioni delle industrie prime lavorazioni e costruzioni in legno) ha rilasciato una nuova guida dedicata alle opere di manutenzione, sulle modalità operative con cui procedere ad un controllo di una copertura esistente e su tutti i processi post-vendita che possono aiutare le relazioni tra progettista, committente e azienda costruttrice. In merito al SismaBonus, l’Associazione riporta possibili casistiche entro le quali la committenza stessa può usufruire delle agevolazioni fiscali e dei contributi messi a disposizione dall’attuale cornice finanziaria.  Si accenna inoltre solo che i vantaggi legati alla realizzazione di una copertura in legno sono altresì riconosciuti nell’Ordinanza della Presidenza del Consiglio dei Ministri n° 3379 del 05.11.2004 che riporta la seguente dicitura: “È in linea generale opportuno il mantenimento dei tetti in legno, in quanto capaci di limitare le masse nella parte più alta dell’edificio e di garantire un’elasticità simile a quella della compagine muraria sottostante.”

Visita il sito Federlegnoarredo per scaricare la guida.

Legno massiccio: definizione

Quando si parla di legno massiccio da costruzione si intendono listelli, tavole, tavoloni e legno squadrato dal taglio di tondame in segheria . Per impieghi strutturali con funzione portante, il legno massiccio deve essere classificato secondo la resistenza in modo visivo o meccanico.

Di seguito le caratteristiche:

• contenuto di umidità del 18% + / -2%
• fessure e crepe di essiccazione sono possibili
• le pareti possono sprofondare fino al 5% dopo aver completato la costruzione, e può essere richiesta una regolazione

Per ottenere un risultato migliore e quindi un legno più pregiato, il legno segato può essere sottoposto a ulteriori lavorazioni, ad es. essiccazione artificiale, piallatura, fresatura in generale. A seconda della specie legnosa, il legno da costruzione presenta anche una resistenza naturale diversa all’attacco di organismi nocivi. Per aumentarne la durabilità , il legno puo essere trattato preventivamente con sostanze protettive (fonte: Promolegno).

 

0 commento
0

articoli correlati

Lascia un commento