Blumatica
Attualità

Reato di false asseverazioni nei bonus edilizi.

Con circolare n. 908 del 28/06/2022 il CNI comunica le nuove linee guida fornite dalla Rete Professioni Tecniche.

11 Luglio 2022
reato di false attestazioni del tecnico asseveratore
Redazione calcolostrutturale.com
La redazione di calcolostrutturale.com è composta da ingegneri edili, copy strategist ed esperti di marketing e comunicazione.

La Rete delle Professioni Tecniche si rivolge a tutti i professionisti per fornire “Osservazioni e raccomandazioni sul nuovo reato di false attestazioni del tecnico asseveratore nel procedimento per l’ottenimento dei c.d. bonus edilizi”. Le linee guida, che trovano sede nel contesto normativo previsto dall’art. 28-bis comma 2, lett. a) del DL 4/2022 (Sostegni Ter) convertito, con modificazioni, dalla legge 25/2022 tramite l’introduzione, all’art. 119 del DL Rilancio (34/2020) del comma 13 bis-1, citano il reato di false attestazioni nei bonus edilizi

  • LA NORMA: L’articolo, nello specifico prevede che “Il tecnico abilitato che, nelle asseverazioni di cui al comma 13 e all’articolo 121, comma 1-ter, lettera b), espone informazioni false o omette di riferire informazioni rilevanti sui requisiti tecnici del progetto di intervento o sulla effettiva realizzazione dello stesso ovvero attesta falsamente la congruità delle spese, è punito con la reclusione da due a cinque anni e con la multa da 50.000 euro a 100.000 euro. Se il fatto è commesso al fine di conseguire un ingiusto profitto per sé o per altri la pena è aumentata.”
  • IL NUOVO REATO: Il quarto paragrafo delle linee guida è dedicato ad “Elementi costitutivi del nuovo reato di false informazioni del tecnico asseveratore.” Nello specifico vengono ribadite le seguenti considerazioni:
  • “La disposizione analizzata costituisce reato proprio, vale a dire che può essere commessa esclusivamente da tecnici abilitati […] ossia il soggetto abilitato alla progettazione di edifici e impianti nell’ambito delle competenze ad esso attribuite dalla legislazione vigente iscritto agli specifici ordini e collegi professionali. Potranno pertanto incorrere in responsabilità penale ai sensi della nuova disposizione Ingegneri, Architetti, Geometri ciascuno nell’ambito delle proprie competenze.”
    • “Le condotte punite sono tre:

– esporre informazioni false;

– omettere di riferire informazioni rilevanti sui requisiti tecnici del progetto di intervento o sulla effettiva realizzazione dello stesso;

– attestare falsamente la congruità delle spese. La prima e la terza sono commissive e si traducono quindi in un’azione mentre la seconda è omissiva propria e si traduce, quindi, in un non fare.”

  • RACCOMANDAZIONI: Il quinto paragrafo fornisce un vademecum “al fine di prevenire il rischio reato nell’ambito della redazione e trasmissione delle asseverazioni”. Si raccomanda quindi di:
  • Attenersi ai requisiti previsti dal Decreto Requisiti (6 agosto 2020) per quanto riguarda il c.d. ecobonus
    • Redigere l’asseverazione utilizzando modelli allegati ai decreti
    • Compilare ogni campo del modello per evitare omissioni sanzionabili
Rapporto FondItalia 2022
Articolo precedente

COSTRUZIONI: la tenuta passa dalla formazione, i dati del Rapporto FondItalia 2022

Articolo successivo

Formazione per Dottori Agronomi e Forestali

Formazione Agronomi e Forestali
Il portale italiano degli strutturisti.
La rete degli strutturisti
Entra a far parte del più grandi network di strutturisti italiani.
Hai bisogno di un calcolo strutturale?
Un team di professionisti altamente specializzati è al tuo servizio
Ecco i servizi che possiamo offrirti:
Scegli quali servizi di ingegneria necessiti in totale sicurezza e affidabilità
Calcolo strutture in acciaio
Calcolo strutture in alluminio
Calcolo strutture in legno
Calcolo strutture in cemento armato
Calcolo strutture in muratura
Miglioramento ed adeguamento sismico
Con noi avrai garanzia di:
Tempi
di consegna certi
Rispetto
delle norme vigenti
Accuratezza
dei risultati di calcolo
Assistenza
continua
special-pop-up-banner_summer