Blumatica
Lo Strutturista

Arco, volta e cupola: gli sforzi che reggono tutte le strutture.

Nel numero precedente, abbiamo parlato degli unici due sforzi a cui tutte le strutture sono assoggettate nel momento in cui devono trasferire dei carichi o in generale delle forze, ovvero gli sforzi di Trazione e Compressione

20 Luglio 2022
Arco, volta e cupola
Ing. Vincenzo Nunziata
Autore di numerosi testi di successo dell’ingegneria strutturale, coordinatore scientifico della rivista "Lo Strutturista".

Vedremo ora come arco, volta e cupola si distribuiscono in funzione della specifica tipologia strutturale o elemento strutturale considerato.

Archi volte e cupole, Figura 1, furono le prime forme strutturali stabili, insieme alla trave, che l’Umanità seppe dotarsi per coprire gli spazi pubblici (templi, basiliche, ecc.) e privati; essi furono utilizzati anche per la realizzazione di opere infrastrutturali (acquedotti, ponti, ecc.), in particolare l’arco e la volta.

Figura 1 Arco, volta e cupola

Il motivo per il quale furono le prime strutture ad essere inventate è anch’esso chiaro, esse infatti sono delle forme geometriche che trasferiscono il carico a terra attraverso la sola resistenza a compressione del materiale di cui sono composte; la sollecitazione di compressione peraltro è quella più facilmente comprensibile a livello intuitivo ed i materiali resistenti bene a compressione (in genere male a trazione) sono quelli più facilmente reperibili in natura, adesso come in passato, e più diffusi come ad esempio la pietra ed il mattone.

l’Arco

L’arco lo ritroviamo come forma strutturale presso molti popoli antichi come gli Egiziani, gli Etruschi, ecc., ma i primi maestri e coloro che diffusero l’arco in tutto il mondo civile allora conosciuto furono gli antichi Romani. Ponti ad arco in muratura e in mattoni si trovano lungo tutta la loro rete viaria e alcuni sono ancora oggi funzionanti. I muri esterni del Colosseo (80 d.C.) sono traforati da archi, le terme romane coperte da volte e archi e il Pantheon (120 d.C.) ha una cupola semisferica di circa 43 m fra le più grandi al mondo ed ancora oggi funzionante e perfettamente idonea, Figura 2a. I loro acquedotti trasportavano l’acqua sulla sommità di una serie di archi alti fino a tre ordini sovrapposti, Figura 2b

Figura 2a. Strutture ad arco di epoca Romana
Figura 2b. Strutture ad arco di epoca Romana

La luce massima (distanza tra un appoggio e l’altro) di un arco romano era di circa 30 m, e la sua forma era sempre a semicerchio a causa della facilità nell’erigere le impalcature circolari[1] in legno o centine necessarie per la costruzione, Figura 3.

Il funzionamento statico dell’arco dal punto di vista intuitivo è abbastanza semplice, dal punto di vista di calcolo invece si può dire che si sono cimentati per secoli i migliori studiosi fino alla soluzione per così dire meno approssimata di tutte e maggiormente rispettosa della realtà sperimentale che fu quella proposta da Navier nel 1807 e ripresa da Mèry nel 1840 (soluzione “Navier-Mèry”) accettata da tutta la comunità scientifica e con la quale si sono calcolati tutti gli archi in muratura da allora fino ai giorni nostri. […]

Figura 3. Costruzione arco

Nel numero precedente, abbiamo parlato degli unici due sforzi a cui tutte le strutture sono assoggettate nel momento in cui devono trasferire dei carichi o in generale delle forze, ovvero gli sforzi di Trazione e Compressione

Per leggere l’articolo completo acquista il numero 9 della rivista Lo Strutturista.

Per essere sempre aggiornato e leggere contenuti inediti abbonati alla rivista Lo Strutturista – La prima rivista per gli strutturisti italiani.

ricostruzione sismica
Articolo precedente

Ricostruzione sismica: fondo aggiuntivo di 700 milioni disponibili nel PNRR

Articolo successivo

La resistenza a trazione dei calcestruzzi fibro-rinforzati (FRC): verità o falso mito?

calcestruzzi fibro-rinforzati (FRC)
Il portale italiano degli strutturisti.
La rete degli strutturisti
Entra a far parte del più grandi network di strutturisti italiani.
Hai bisogno di un calcolo strutturale?
Un team di professionisti altamente specializzati è al tuo servizio
Ecco i servizi che possiamo offrirti:
Scegli quali servizi di ingegneria necessiti in totale sicurezza e affidabilità
Calcolo strutture in acciaio
Calcolo strutture in alluminio
Calcolo strutture in legno
Calcolo strutture in cemento armato
Calcolo strutture in muratura
Miglioramento ed adeguamento sismico
Con noi avrai garanzia di:
Tempi
di consegna certi
Rispetto
delle norme vigenti
Accuratezza
dei risultati di calcolo
Assistenza
continua