Home BlogAttualità FederlegnoArredo e la promozione dell’edilizia in legno: nasce “S.A.L.E.+”

FederlegnoArredo e la promozione dell’edilizia in legno: nasce “S.A.L.E.+”

Il Protocollo ideato in collaborazione con Conlegno, consentirà ai tecnici e alla committenza, di attestare i requisiti tecnici-organizzativi.

di Redazione
Federlegnoarredo strutture in legno

FederlegnoArredo è un’associazione che, da più di 40 anni, promuove la ricerca scientifica e l’utilizzo delle costruzioni in legno attraverso attività di divulgazione e partecipazione ai tavoli tecnici. Con questi presupposti che FederlegnoArredo e Banco BPM hanno stipulato un’intesa sulla base del protocollo certificavo “S.A.L.E.+” riguardo le strutture in legno multipiano. L’obiettivo comune di questo accordo è quello di poter mettere a disposizione della filiera bioedile un prodotto finanziario atto a promuovere la realizzazione di opere di ingegneria in legno complesse (intese come edifici con tre o più piani fuori terra a carattere residenziale e terziario).

“S.A.L.E.+” (estensione dell’attuale protocollo S.A.L.E., ideato con la collaborazione di Conlegno) vuole divenire così un ulteriore strumento che possa consentire al committente e all’investitore di attestare la figura del costruttore nei suoi requisiti tecnici-organizzativi.

Base dell’accordo è  il “Mutuo Ipotecario-Fondiario Bioedilizia Imprese” di Banco BPM, il primo in Italia destinato al finanziamento di immobili non residenziali, edificati in bioedilizia. Le PMI avranno infatti la possibilità di richiedere l’erogazione a stato avanzato dei lavori anche con scrittura privata e senza bisogno di perizia, accelerando così i tempi di risposta. Disponibile anche l’opzione della stipula con erogazione differita mediante la quale è possibile scegliere la tempistica dell’avvio del finanziamento.

Per attivare e prendere informazioni in merito alle modalità di estensione del proprio protocollo S.A.L.E., si ricorda che è a disposizione la casella di posta elettronica: certificazione@conlegno.eu

0 commento
0

articoli correlati

Lascia un commento