Home BlogAttualità Mose. Dal libro dell’Esodo modificato

Mose. Dal libro dell’Esodo modificato

Articolo satirico a cura del prof. Nicola Casagli, relativo alla costruzione del Sistema Mose per proteggere la città di Venezia.

di Redazione
Mose

Il Signore disse a Mosè: «Comanda agli Israeliti che tornino indietro e si accampino presso il mare».

Ed essi fecero così. Gli Egiziani li inseguirono mentre essi stavano accampati presso il mare.

Quando il faraone fu vicino il Signore disse a Mosè: «Ordina agli Israeliti di riprendere il cammino. Tu intanto alza il bastone, stendi la mano sul mare e dividilo, perché gli Israeliti entrino nel mare all’asciutto. Gli Egiziani sapranno che io sono il Signore, quando dimostrerò la mia gloria contro il faraone, i suoi carri e i suoi cavalieri».

Ma Mosè aveva da poco completato uno stage in Italia e fraintese il comando del Signore.

Egli fece progettare un modulo sperimentale elettromeccanico con una schiera di paratoie mobili per separare il mare, gli dette nome a sua immagine e somiglianza, fondò un consorzio denominato Mar Rosso Nuovo con le maggiori imprese di costruzione del deserto a cui affidò l’esecuzione dei lavori, avviò un’inchiesta della magistratura per corruzione e frode fiscale, fondò un’Autorità Nazionale Anticorruzione per mettere il Consorzio in gestione straordinaria, nominando tre amministratori straordinari per l’ultimazione della grande opera entro il termine perentorio di tre anni. L’angelo di Dio, che precedeva l’accampamento d’Israele e aveva fatto il dottorato di ricerca in Olanda, scuoteva la testa sconsolato.

E fu così che gli Israeliti vennero raggiunti dagli inseguitori e furono ricondotti in catene in Egitto. Ma siccome si erano dimostrati ingegnosi, ai loro discendenti vennero affidate opere importanti, come le fondazioni antisismiche del Faro di Alessandria e il sistema antincendio della Biblioteca di Tolomeo.

L’articolo è tratto dal numero 3 della rivista Lo Strutturista.

Per essere sempre aggiornato e leggere contenuti inediti abbonati alla rivista Lo Strutturista – La prima rivista per gli strutturisti italiani.

0 commento
0

articoli correlati

Lascia un commento