Blumatica
Lo Strutturista

Costruire strutture per l’eternità

Riflessioni in merito all’evoluzione costruttiva dalla civiltà romana ad oggi.

27 Gennaio 2021
strutture romane
Ing. Vincenzo Nunziata
Autore di numerosi testi di successo dell’ingegneria strutturale, coordinatore scientifico della rivista "Lo Strutturista".

Si racconta che i Romani, grandi costruttori e grandi ingegneri (anche se non esisteva all’epoca la figura dell’ingegnere), costruissero strutture per l’eternità.

In realtà dai documenti tecnici in nostro possesso di questo criterio non si trova traccia. Se si va ad inda­gare si scopre che forse l’unico documento, codice o trattato in nostro possesso che analizza l’arte del co­struire all’epoca dei romani è il “De architectura”, dedi­cato ad Augusto imperatore, di Marco Vitruvio Pollione (80 a.C. – 15 d.C.), architetto e scrittore Romano. Il trattato del Vitruvio si basava essenzialmente su tre principi generali di tipo “prestazionale” che dovevano possedere tutte le costruzioni, senza distinzione di im­portanza o destinazione d’uso.

Il Vitruvio nella prefazione al suo trattato riportava:

“tutte queste costruzioni devono avere requisiti di soli­dità, utilità e bellezza. Avranno solidità, quando le fon­damenta, costruite con materiali scelti con cura e sen­za avarizia, poggeranno profondamente e saldamente sul terreno sottostante; utilità, quando la distribuzione dello spazio interno di ciascun edificio di qualsiasi ge­nere sarà corretta e pratica all’uso; bellezza, quando l’aspetto dell’opera sarà piacevole per l’armoniosa pro­porzione delle parti che si ottiene con l’avveduto calco­lo delle simmetrie”.

L’aspetto strutturale che ci riguarda è relativo certa­mente alla solidità e alla bellezza. Da questo passo nel XVII secolo fu tratta da Claude Perrault una famosa semplificazione del trattato racchiusa in una incisiva e fortunata formula (triade vitruviana) secondo la quale l’architettura deve soddisfare le tre categorie o regole:

  • Firmitas (solidità)
  • Utilitas (funzione, destinazione d’uso)
  • Venustas (bellezza, armonia della geometria e della forma, simmetria).

Come si evince dal passo del trattato Vitruviano non si fa alcun riferimento alla durata delle costruzioni.

A questo punto entrano in gioco considerazioni di ca­rattere filosofico e storiche. Qualcuno dirà che non è riportato il concetto di durata perché si dava per scontato che ciò che si costruiva doveva durare il più a lungo possibile e non sicuramente 50 anni che non rappresenta nemmeno una generazione, sicuramente non per l’eternità in quanto dell’attività umana nulla è eterno (a differenza dell’attività spirituale e religiosa), e questo i romani che erano un popolo pragmatico e risoluto lo sapevano bene.

Oltretutto la civiltà Romana è passata attraverso secoli (più di 1000 anni) senza un eccessivo progresso tecnologico e costruttivo, si ba­sava molto sull’aspetto simbolico per mostrare e con­solidare il proprio potere (oltre che con le armi) anche attraverso le costruzioni edilizie (palazzi, ville, dimore) e delle grandi opere (archi trionfali, templi, strade, acque­dotti, ponti)realizzate in giro per il mondo allora cono­sciuto facente parte dell’Impero Romano, e certamente nessun Romano avrebbe potuto accettare che qualco­sa da loro costruito potesse crollare, sarebbe stato un disonore! È per questo motivo che costruivano strutture per l’eternità che sono giunte a noi, dopo quasi 2000 anni, al­cune ben conservate e altre meno […]

Per leggere l’articolo completo acquista il numero 4 della rivista Lo Strutturista.

Per essere sempre aggiornato e leggere contenuti inediti abbonati alla rivista Lo Strutturista – La prima rivista per gli strutturisti italiani.

monitoraggio fibre ottiche
Articolo precedente

Messa in sicurezza statica delle strutture attraverso monitoraggio con sensori a fibre ottiche

Articolo successivo

Approvate dal Ministro delle Infrastrutture le linee guida su ponti e viadotti

linee guida su ponti e viadotti
Il portale italiano degli strutturisti.
La rete degli strutturisti
Entra a far parte del più grandi network di strutturisti italiani.
Hai bisogno di un calcolo strutturale?
Un team di professionisti altamente specializzati è al tuo servizio
Ecco i servizi che possiamo offrirti:
Scegli quali servizi di ingegneria necessiti in totale sicurezza e affidabilità
Calcolo strutture in acciaio
Calcolo strutture in alluminio
Calcolo strutture in legno
Calcolo strutture in cemento armato
Calcolo strutture in muratura
Miglioramento ed adeguamento sismico
Con noi avrai garanzia di:
Tempi
di consegna certi
Rispetto
delle norme vigenti
Accuratezza
dei risultati di calcolo
Assistenza
continua
Lo strutturista